Anni che passunu sunu ni lu tiempu fujutini la bedda quieti di sirenu camminu.gilidu vinticieddu di alleru matinuemirgiu criatura di gridi e ruggiti.Luci pura che armunia sparpagghia;o tu che la potti nill'occhi eternamentiche lu suli ni lo to' surrisu rispecchiaa che alluntana spiriti dulenti.To' unistà che ‘un si dibulisciall'autri dunasti la to' prisenza.l'omu di valuri e degnu di rispettuamuri che ni lu to' cori ‘un si esaurisci.Nun assicutari ‘nzonni vistuti di tristizza;Ora che ne me pa...
Leggi...
Di ramu d'ulivu vecchiu è lu me' bastuni;ni la vicchiaia mi l'haiu sempri purtatuda quannu di mia s'impatruniu la sulitudini,li passi e li me' ricordi a sempri accumpagnatu. Lu çiuri che tant'anni fa cughii, para ajeri;‘un sulu mi desi figghi, macari tantu amuri.L'amuri che pottu caru ‘ntra li me' pinzeri!‘Ntra lu cori miu lassau vacanti e tantu duluri! Ora ‘un sugnu che ‘n vecchiu stancuche aspetta di chiurìri a potta di stà vita!Inutili campari si ni li vini ‘un scurra cchiù sangu,scurru...
Leggi...
Quanti di vui si ricordunu carretti arriccamatiche sfuggiavunu pi li strati seculari;nuddu li po' scurdari i pueti e li sirinatiche si sintevunu ni li strati vuciari. Lu çiauru di çiuri di mmennulari,chiddi di l'aranci e gelsomini.tutta dda ricchizza ‘nmenzu a lu mari,tutta dda biddizza senza fini. Ballavamu tra tammureddi e tarantelli;nù biccheri di vinu la musica accumpagnava.Ddi ballati cu la furriata di li fimmineddi;iddu che la taliava, ridiva e cantava. L'indumani quattru coccia d'alivi s...
Leggi...
‘Nchianannu di triffuntani arrivannu a francieddu,lu Poiu a Cruci dumina lu paisi di Palaunia.Circurnatu di na cruna di culuri virdicedduricugghiusu di biddizzi un canuscia agunia. Nni la chiazza passiunu omini cchiffaratie autri assittati davanti ccu li facci ‘nvicchiati.Cercu e m'avvrazzu forti a lu prisentinni li jorni senza méta e cursi sfrinanti. Quannu vaiu un sacciu cchi mi pigghia!A tempu scurdatu caminannu nna ddi strati,genti che ‘un canusciu e a nuddu assimigghiacu lu sguardu assen...
Leggi...
Lu vecchiu assittatu ‘ntrizzava lu panareddu;‘un aviva chiù pinzeri e mancu affannamenti.‘Un finiu, che chiudiu l'occhi lu vicchiareddu!L'aniama vulava senza chiù parrari ne diri nenti. ‘Ncuntrannulu, dilusu, ci dissi a lu Signuriche avia fattu ‘nzonnu amaru, ma cu tantu amuri.- Pirchì si accussì tristi e chinu di suduri?cuntulu stu ‘nzonnu a lu tò criaturi! - n'gnornu mi dissiru che lu signuri accanto mi ristava.Passiannu ni la sabbia vagnata mi vutavu e taliava,mi accurgii che d'arreri s...
Leggi...
Ni la vita, quannu ni sintemu tristisenza sapiri lu mutivu, lu pirchì circamu.Quannu lu truvamu, ni passunu tutti li malannipirchì capemo chiddu che ni mancava. Quannu l'avemu tuttu, sempri picca ni pari;n'impatrunimmu ‘un impurta chiddu che facemu.Quannu lu pirdimu pigghiamu cuscinzac'avemu persu tutta la spiranza. ‘Un sunu anni di giuvinizza e mancu dinariè sulu vanità e l'amuri che ‘un sapemu tiniri;ti scappa di li manu pirchì penzi sulu a lu to' coriscorditi l'arruganza, la vanità e parra...
Leggi...
Signuri mei, chi pinzati di st`usanza?Lu dimostrati ccu la vostra presenza!Viu tanti genti cuntenti ni stà sirataiddu ‘ncrivattatu e idda tutta urnata! Semu ccà e ‘nzemmuli ni ricurdamuquanti di nui lu stissu ‘nzonnu facemu!Semu ccà, tutti cu lu stissu parratupinzannu chiddu ch'avemu lassatu! La cchiù bedda stidda chi rira ‘n celu, arma senza pastranu e senza velu.Giria comu l'apuzza d'aprili ‘nturnu a lu çiuri a sùrbiri lu meli. È sempri ccu lu senziu che cci smacedda, ch'avemu sempri dava...
Leggi...
Ni lu ‘nzonnu ti vidu spessu alluminata;cu li jorna chini di suli e li notti stiddati.Ni lu ‘nzonnu ti vidu sempri, terra amatae ni lu scuru di la notti cercu li ricoddi scurdati. Sintìri lu çiauru di l'erba doppu li fauci passati,sintìri li ondi di lu mari, para che mi parrunu!Li pampini d'aranciu che vonu essiri accarizzatie lu cantu di l'auceddi che supra di mia passunu. Che vena la stasciuni ‘un vidu l'ura,‘un vidu mancu la strata, ‘un vidu nentipi essiri accucciatu di la tò calura,maca...
Leggi...
Quannu la sira lu suli voli tramuntarilu vecchiu stancu lu panarèddu finìsci,s'arricogghunu di la terra li travagghiaturinni lu cielu la luce ddi la prima stidda crisci. Di luntanu si vidi la luna ch'è cuntenti spunta‘ntra na vanidduzza ch'è si sona na sirinatae ccu li duci paruli d'amuri che volunu‘ntra lu cori di na fimminedda ‘nnammurata. A lu picciottu li manu cci trimarruquannu vitti la so' zzita affacciata,ccu l'uocchi si parravunu e vasuni si mannarru,ccu lu zzitu ch'è la chitarra tini...
Leggi...
‘Ngnornu ca lu Diu Patri era cuntentipassiava ‘n cielu ccu tutti li santi,a lu Munnu pinzau fari ‘n prisentie di la cruna si scippau ‘n diamanti; ci addutau tutti li setti elementi,lu pusau a mari ‘nfacci a lu livanti:la chiamavu Trinacria e lu suli ci misi davanti,ppi quadiari lu cori ddi li siciliani eternamenti !Eccu cumpostu lu linguaggiu siculu,tra li dialetti lu cchiu' anticu oraculu,purto' paruli ed un nuvellu articuluchi la pronunzia fa a li strani ostaculu.
Leggi...
Pagina 2 di 2 Primo 1[2] ProssimoUltima

Salone Internazionale del Libro - Genève 2005