La vanidduzza

Quannu lu suli la sira tramunta,
s'arricuogghiunu li travagghiaturi di la terra,
nu viecchiu stancu, lu panaru finisci,
ni lu cieli la prima stidda s'affaccia,

di luntanu si vidi la luna che cuntenti spunta
dintra na vanidduzza, che na sirinata si sona,
ccu li duci paroli d'amuri che volunu
dintra lu cori di na fimminedda nnammurata,

a lu picciottu, li manu c'i trimarru
quannu visti la so' zzita affacciata,
ccu l'uocchi si parrunu è si mannunu vasuni,
nautru amuri ncumincia a sciuriri,

passunu li iuonni è li simani
di dda sira stiddata di lu misi d'aprili,
la chitarra 'un finisci d'accumpagnari, lu cantu
'nnammuratu di stu' picciottu, che mai s'astanca

| Indietro

Salone Internazionale del Libro - Genève 2005