La mamma

Il tuo esserlo incomincia con un grido di dolore,
prima di scorgerlo gli hai dato il tuo amore,
tenendolo abbracciato vegli sui suoi sogni,
con le tue carezze aspetti il suo risveglio,

con il tuo sorriso lo proteggi dall'afflizione,
con la tua voce la ninna nanna gli canti,
ma il tuo pensiero lontano ti giunse
nel vedere i tuoi capelli sbiaditi dal tempo.

Le rughe che ti nascondono il sorriso
ma il sentimento di esserlo ti rincuora,
con un pensiero a quelle che non hanno potuto
e quelle che non hanno voluto esserlo.

Tu hai dato la vita alla vita, per questo sei nata,
per diventare mamma; a chiamarti il cuore si riscalda
di quelle emozioni incomparabili: mamma, mamma!

| Indietro

Salone Internazionale del Libro - Torino 2007