Nessun desio fu più appagatoin figura di piccola presenzacome un sentimento già formatodove si svela di grande essenza.L’alba timida dietro le stelle  apparedalle orme sereni e forze  vigilantiin cammino senza paura d’amare con le primavere fiorite e  festanti.Adesso nell’albore degli annifino alle rughe sul tuo visofolte indora i mesti ingannie decora di sogni il tuo  sorriso. Passi dopo passi il tempo  fluiscedella stella che il cielo sfiorachiude gli occhi e riverisceemana luce e calore di...
Leggi...
Buon di', oh donna dalla chioma bianca, quale buon vento ti porta in queste alture,il tuo cammino è stato lungo? Sarai stanca,siedi a me vicino raccontami le tue avventure. Con le tue dolci parole, di tristezza m'avvolgi,con il tuo sorriso le mie paure vuoi placare?Non porti la falce, ma lo stesso ruolo svolgi;capisco, tu sei venuta per venirmi a cercare! Ma sono contento che sei venuta adesso,la mia vita non aveva più un senso, ne un cuore,ora non ho più paura sono solo un po' scosso.In preghie...
Leggi...
Alzo gli occhi e guardo in cielo le stelle ! Sono molte e non li posso contare. Brillano come gli occhi dei bambini in quei momenti che non si possono comprare. Raccogliere di tanto desiderio il fruttoquando la mattina nasce il giorno nuovo.Passa il tempo del destino scrittoquando di fanciullo, adulto mi ritrovo ! È da adulto che l'uomo deve pensareche i valori della vita deve cercare.L'amore, l'amicizia e tanti altrisono valori che si dovrebbero rispettare.
Leggi...
Volto di magnificenza t'orna le tue virtù;di tutte le mamme, mamma mia sei tu!Ti vedrò sempre immobile, ferma nella memoriaanche se il tempo gioisce e mi martoria. Da piccolo tu mi stringevi tra le tue braccia;oggi sono io che sogno di stringerti tra le mie.Un sogno che si allontana e si affievoliscecome il tempo tiranno il tuo respiro indebolisce. Mi hai ricoperto di carezze dolci e care;il mio volto intatto nei tuoi ricordi vegli.Tu che sei donna, tu che sei stella del mare!Tu che sei mia madr...
Leggi...
Salendo da Trefontani arrivando a Francello,il Poggio Croce domina il paese di Palagonia.Circondato da una corona di colore verdicellorigoglioso di bellezze non conosce agonia. Nella piazza passeggiano uomini affaratie altri seduti davanti con i volti invecchiati.Cerco e mi abbraccio forte al presentenei giorni senza meta e corse sfrenanti. Quando vado non so cosa mi prende!A tempo dimenticato camminando per le strade,gente che non conosco e a nessuno somigliacon lo sguardo assente dentro le fav...
Leggi...
O donna, tu che sei generosa e fragileanche nei momenti oscuri ti dimostri agile nel nascondere l'angoscia di quell'atteso momentoquando regali la vita al tuo sentimento.Quel sentimento che coltivi per il tuo compagnofra un po' non sarete più soli in questo impegno,quando arriverà la paura nel tuo cuoresta per arrivare il frutto del tuo amore. Ma quando la paura ti lasciavedrai, il posto lo prenderà l'angoscia.Urlerai il dolore nel vederlo arrivarema è un dolore che si può solo amare.Tutto quest...
Leggi...
Il pensiero tuo dimora non trova;di un barlume di speranza ti nutri;nell'albore di quest'alba cerchiil desio di ritrovare la dignità persa. Come un cencio brancoli per la via,il coboldo non ti fa più ridere.A tarda sera il buio sfiora il desideriodi non essere come ieri il domani. Nello specchio della tua mente riflettonoricordi abbandonati e sbiaditi dal tempo,il tuo essere affabile onora con la tua presenza.Cosa raccontar può il tuo sguardo se non realtà.
Leggi...
Nell'ultimo orizzonte lo sguardo si fermò, nell'ammirare gli infiniti spazi che la montagna al poeta regalò, i colori si allontanavano tristi per lasciare il posto alle insidie della notte dove si esprime l'anima di un poeta stanco, nella lontananza un volto si svela, quello di un Angelo che sorridente gli apparve, senza indugiare gli tese la mano per allontanarlo da quel cielo nero e sospinto. Lasciando cadere la sua vecchia penna, il poeta esclamò la sua unica tristezza, quella di non poter pi...
Leggi...
Questo destino non mi vuole aiutare,lontano da te per forza devo stare,ho dimenticato tanti dei tuoi profumima mi ricordo sempre dei tuoi costumi. Quello della zagara mi piaceva molto,ma ovunque io sia stato non l'ho mai più sentito.Quanti figli hai nel mondo hai perdutoe quello che non è mai ritornato. In molti sono quelli che sono partitima non devi essere triste nessuno ti ha dimenticato.Io, sento molto il desiderio di venirti a trovareper vedere te e la mia famiglia accarezzare. La sera ti p...
Leggi...
Il tuo esserlo incomincia con un grido di dolore, prima di scorgerlo gli hai dato il tuo amore, tenendolo abbracciato vegli sui suoi sogni, con le tue carezze aspetti il suo risveglio, con il tuo sorriso lo proteggi dall'afflizione, con la tua voce la ninna nanna gli canti, ma il tuo pensiero lontano ti giunse nel vedere i tuoi capelli sbiaditi dal tempo. Le rughe che ti nascondono il sorriso ma il sentimento di esserlo ti rincuora, con un pensiero a quelle che non hanno potuto e quelle che non ...
Leggi...
Pagina 1 di 3 PrimoPrecedente [1]23 Ultima

Salone Internazionale del Libro - Torino 2007