L'alba indelebile

Fulgida essenza d'animo affabile
Risonanti passi di umile presenza,
Attimi di vita nitida e indelebile   
Nell'anima placida osservanza.     
Cresce il grano quasi maturo
E l'alba naufraga nel vento,   
Sui passi del tranquillo futuro     
Che accompagna il sentimento.       
Ostenta sole i raggi della tua corona

Come olezzo d'erba ai tramonti,
Appena spenta l'ultima ruga di luna
Che il calore emerge dietro i monti.
Con armonia pervadi in lontananza
Il tempo dei giorni fieri e festanti,
Al crepuscolo di tanta presenza
Tristezza d'ulivi con cadenze silenti.
Ove si spengono le ultime stelle
Ricordi di uomini in persistenza
Erme antichi di eterna riconoscenza.

| Indietro